Covid-19, Usb Foggia: ''Al Policlinico piano inadeguato, salvaguardare operatori sanitari''

Mercoledì 8 Settembre 2021
"Neanche il tempo di concludere le vacanze estive e ci ritroviamo nel pieno di una nuova ondata di contagi da Covid-19". Lo afferma in un comunicato stampa il coordinamento aziendale Policlinico Riuniti Foggia Usb.

"Fortunatamente il numero dei contagi risulta contenuto, grazie solo all'efficacia dei vaccini. Però nonostante tutto ciò, i ricoverati presso i reparti Covid sono in aumento, tanto da arrivare in questi giorni a circa 45 pazienti positivi in malattie infettive e sei in rianimazione".

"La sfida di questo autunno per il Policlinico sarà quella di riuscire a garantire l'offerta di salute e servizi adeguati ai cittadini della Capitanata, e al tempo stesso riuscire a gestire i pazienti Covid-19, sia quelli che vengono ricoverati, sia quelli che pur restando in isolamento presso le proprie abitazioni devono recarsi comunque al Policlinico per avere cure salvavita".

"A oggi la Direzione ha deciso, tramite la Direttiva 139/21, di dotare il Policlinico di un Piano per la gestione di questi pazienti che però, alla luce dell'aumento dei contagi, risulta essere un piano non più adeguato. Questo è il motivo per cui il Coordinamento aziendale Usb chiede un incontro urgente con la Direzione Sanitaria per affrontare le criticità che ci vengono segnalate dagli operatori sanitari impegnati in prima linea a fronteggiare l'emergenza Covid-19".

"E' fondamentale garantire le cure ai pazienti, ma al tempo stesso è necessario limitare al massimo tutti i rischi da esposizione al Covid-19 che possano scaturire da organizzazione del lavoro sbagliata. Troppi operatori sanitari hanno pagato in prima persona per una gestione della pandemia non adeguata. Raccomandiamo tutti i dipendenti del Policlinico Riuniti di Foggia ad aumentare il livello di attenzione, utilizzando tutti i Dpi necessari per proteggersi, e a segnalare ulteriori criticità tuttora presenti. La sicurezza sul lavoro viene prima di tutto".