Scioglimento del Comune di Foggia. Rosa Barone (M5S): ''Quadro agghiacciante dalla relazione del Prefetto Esposito''

Martedì 7 Settembre 2021
"La politica deve prendersi le proprie responsabilità. Dalle oltre 130 pagine della relazione firmata dal Prefetto Carmine Esposito, che è stata allegata al Decreto del Presidente della Repubblica sullo scioglimento del Comune di Foggia pubblicato in Gazzetta Ufficiale, emerge un quadro agghiacciante, un modo di gestire la cosa pubblica lontano dal bene comune e dalla trasparenza. Abbiamo l'obbligo di mettere insieme le parti sane della società e agire per far rinascere una partecipazione attiva e consapevole. I foggiani non meritano un Comune diventato un 'intreccio di sangue e interessi' come scritto nella relazione e riportato oggi dai giornali". Lo dichiara la consigliera del M5S e assessora al Welfare Rosa Barone.

"Da quanto apprendiamo dalla stampa - continua Barone - nella relazione si parla di rapporti tra il Comune di Foggia e aziende legate direttamente o indirettamente ai clan e di 'inquietante  intreccio tra gestione del bene pubblico e il mondo criminale del malaffare', e vengono analizzati gli intrecci tra consiglieri comunali, famiglie criminali e imprese. Sono diversi gli appalti esaminati, ad esempio per quello che riguarda la gestione degli impianti semaforici la prassi sarebbe stata quella di gare sotto soglia in modo da poter bypassare la certificazione antimafia. Verifiche antimafia che non sarebbero state fatte neanche per appalti milionari. Tutto questo non è accettabile. I cittadini devono essere i primi a ribellarsi  a questo stato di cose e a non far più finta di niente. Solo così la città potrà rinascere".